lunedì 27 luglio 2015

INVOLTINI DI VITELLO CON PANCETTA E FORMAGGIO


Riflettevo sul fatto che pubblico pochissime ricette di carne, forse perché non amo mangiarla spesso, soprattutto se rossa, infatti prediligo senza alcun dubbio le carni bianche. Però questi Involtini di Vitello con Pancetta e Formaggio meritano senz'altro, li trovo gustosi e sfiziosi e piacciono non solo agli adulti, ma anche ai bambini che solitamente disdegnano la carne, proprio perché con la farcia di pancetta e formaggio sono più accattivanti.

Ingredienti per 4 persone:

8 fettine di fesa di vitello
8 fettine di pancetta arrotolata
8 rettangolini di formaggio emmental
8 rametti di rosmarino
½ bicchiere di vino bianco
olio extravergine d'oliva
rosmarino tritato
prezzemolo tritato
insaporitore per carni Ariosto*

*contiene sale, rosmarino, aglio, salvia, ginepro, alloro, origano, timo, maggiorana, basilico e piante aromatiche

Preparazione:

Assottigliate le fettine con il batticarne e spolveratele con il rosmarino tritato finemente.  Adagiate su ogni fettina una fetta di pancetta e ponete al centro un rettangolino di emmental. Poi arrotolate fino a formare un involtino. Spolverate gli involtini con l'insaporitore per carni e legate ognuno con lo spago per alimenti.  Infilate sotto ogni spago un rametto di rosmarino. Versate l'olio in una padella antiaderente e fate rosolare gli involtini a fiamma moderata, girandoli ogni tanto. Spruzzateli di vino bianco e fatelo evaporare. Se serve aggiungete un pò di brodo o acqua e fateli cuocere per circa 20 minuti. Serviteli caldi irrorandoli con il loro sughetto di cottura.

lunedì 20 luglio 2015

GELATO ALLA STRACCIATELLA


Il Gelato alla Stracciatella è uno dei più conosciuti ed apprezzati tra i gelati cremosi. È un gelato molto goloso, formato da una base di fiordilatte arricchito con scaglie di cioccolato fondente. Nonostante sia uno dei gelati simboli della tradizione italiana, esso ha un'origine abbastanza recente. Fu inventato nel 1961 a Bergamo da Enrico Panattoni, proprietario di un ristorante e della pasticceria-gelateria "La Marianna". Il nome "stracciatella" deriva dal nome della "stracciatella alla romana", una minestra semplice e saporita fatta con brodo, uova e parmigiano, che noi laziali conosciamo molto bene. Ricordo che da bambina la mia mamma la preparava spesso nelle fredde giornate invernali. In pratica i clienti del ristorante di Panattoni erano soliti chiedere come pietanza la stracciatella e da lì ebbe l'idea di riproporla in una versione dolce. Le scaglie di cioccolato fondente mescolate al gelato ricordano proprio le uova di questa minestra che rapprendendosi nel brodo bollente creano un effetto "stracciato".

Ingredienti

250 ml di latte fresco
250 ml di panna fresca
3 tuorli d'uovo
100 gr di zucchero
125 gr di scaglie di cioccolato fondente
1 cucchiaino di glucosio
1 cucchiaino di estratto di vaniglia

Preparazione

Con gelatiera:
prendete un pentolino e riscaldate il latte, la panna e il glucosio. Nel frattempo montate i tuorli con lo zucchero e la vaniglia fino ad ottenere un composto spumoso. Versate il latte e la panna sulle uova, mescolate e trasferite il composto sul fuoco, mescolando continuamente, spegnete appena inizia l'ebollizione. Per accorciare i tempi, fate raffreddare il pentolino in una ciotola con acqua fredda. Se necessario cambiatela più volte. Inserite il pentolino nel frigorifero per alcune ore. Trascorso il tempo, versate il composto nel cestello della gelatiera e seguite le indicazioni della macchina (a me ci son voluti 40 minuti). All'ultimo giro di frusta, aggiungete il cioccolato fondente. Mettete il gelato pronto in una vaschetta per gelati dotata di coperchio e poi fatelo rassodare nel congelatore per alcune ore prima di servirlo.
Senza gelatiera:
seguite la ricetta precedente ed inserite il composto in una vaschetta di acciaio per gelati dotata di coperchio, fatta precedentemente raffreddare nel congelatore. Tirate fuori dal congelatore la vaschetta, versatevi la crema e rimettetela nel congelatore per circa 6 ore e, a intervalli regolari di 30 minuti, mescolate la crema affinché la superficie non cristallizzi. Questa operazione, ripetuta spesso, vi consente di ottenere un gelato cremoso. Potrebbero essere necessarie più ore, questo dipende molto dal congelatore che possedete, per cui continuate questa procedura fino a quando il gelato non risulterà cremoso.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...